Attività per la scuola primaria 2020-03-09T09:59:45+01:00

Attività per la scuola primaria

La principessa dal cuore di ghiaccio

Attività per la scuola primaria. Consigliata particolarmente per le I e le II classi

La principessa Turandot accoglie i visitatori sullo scalone che porta alle sale del museo.

Attività per la scuola primaria turandot

Attraverso la fiaba musicata da Giacomo Puccini, più volte messa in scena da Franco Zeffirelli, i bambini entreranno in contatto con la magia dell’opera lirica e con i misteri dell’allestimento teatrale.

L’attività per la scuola primaria si sviluppa in due diversi momenti. Il primo si svolge attraverso le sale del Museo. I ragazzi parteciperanno a una visita guidata interattiva, con particolare attenzione alla sala dedicata alle diverse edizioni dell’opera pucciniana.

Il personale del Museo racconterà la storia della principessa cinese e illustrerà l’ambientazione esotica. Per questo saranno utilizzati i bozzetti scenografici, alcuni costumi di scena e un modellino tridimensionale dell’impianto scenico.

Successivamente, in un’aula per la didattica, situata a pianterreno, i bambini proporranno una propria visione dell’opera attraverso i loro disegni. Rifletteranno sui caratteri dei personaggi e sui luoghi in cui si svolge l’azione. Alcuni degli elaborati saranno quindi esposti nella sede del Museo.

La visita senza laboratorio, della durata di circa 45″ ha un costo di 5 euro a studente.
La visita + laboratorio didattico, della durata di circa 2 h, ha un costo 7 euro a studente. Gli insegnanti hanno diritto all’ingresso gratuito.

Per informazioni e prenotazioni sulla attività didattica per la scuola primaria:
indirizzo e-mail: education@fondazionefrancozeffirelli.com
tel. 055 281038

Ridi, pagliaccio!

Attività per la scuola primaria. Consigliato particolarmente per le classi III, IV e V

L’ attività didattica per la scuola primaria si pone i seguenti obiettivi:

  • mettere i bambini in contatto con la magia dell’opera lirica e dell’allestimento teatrale.
  • capire come dietro l’allestimento di uno spettacolo teatrale si celi un lavoro che coniuga creatività e studio.
  • sollecitare la curiosità e la capacità di osservazione da parte dei ragazzi, condividendo le proprie idee in gruppo.
  • stimolare la creatività, invitando i bambini ad elaborare una propria visione dell’opera.
  • scoprire come il teatro d’opera metta in relazione discipline diverse tra loro come l’arte, la letteratura e la musica.

Grazie alla piccola compagnia di attori itineranti, i ragazzi entreranno in contatto con la magia dell’opera lirica e con i misteri dell’allestimento teatrale.

Attività didattiche per la scuola primaria pagliacci

L’attività si sviluppa in due diversi momenti. Il primo si svolge attraverso le sale del Museo. I ragazzi parteciperanno a una visita guidata interattiva, con particolare attenzione alla sala dedicata alle diverse edizioni dell’opera di Ruggero Leoncavallo.

Il personale del Museo illustrerà l’ambientazione in cui Canio/ Pagliaccio e Nedda/Colombina agiscono. La spiegazione avverrà attraverso la consultazione di bozzetti scenografici, dei variopinti bozzetti per i costumi di scena e di un modellino tridimensionale dell’impianto scenico.

Successivamente, in un’aula per la didattica, situata a pianterreno, ai bambini produrranno la loro visione dell’opera attraverso i loro disegni. Rifletteranno sui caratteri dei personaggi e sui luoghi in cui si svolge l’azione. Alcuni degli elaborati verranno quindi esposti nella sede del Museo.

La visita senza laboratorio, della durata di circa 45″ ha un costo di 5 euro a studente.
La visita + laboratorio didattico, della durata di circa 2 h, ha un costo 7 euro a studente. Gli insegnanti hanno diritto all’ingresso gratuito.

Per informazioni e prenotazioni:
indirizzo e-mail: education@fondazionefrancozeffirelli.com
tel. 055 281038

L’ attività didattica per la scuola primaria persegue i seguenti obiettivi:

  • capire come dietro l’allestimento di uno spettacolo teatrale si celi un lavoro che coniuga creatività e studio.
  • sollecitare la curiosità e la capacità di osservazione da parte dei ragazzi, condividendo le proprie idee in gruppo.
  • stimolare la creatività, invitando gli allievi ad elaborare una propria visione dell’opera.
  • scoprire come il teatro d’opera metta in relazione discipline diverse tra loro come l’arte, la letteratura e la musica.

subscribe to the newsletter